L’albero di Pasqua tra le tendenze del momento, attenzione a non esagerare

Da qualche anno a questa parte, è nata la moda di fare anche un albero di Pasqua oltre quello classico e solito che si fa a Natale. A tal propositone ne ho viste di cafonate, a differenza dell‘albero di Natale, che più o meno varia nelle decorazioni e colori, per quello di Pasqua la gente si sbizzarrisce; forse proprio perchè non esiste uno standard a cui ispirarci. Questo legittima le persone ad esagerare, con accozzaglie di colori e stili, e vedi cosi finte colombe, rami su rami fioriti di fiori finti, uova colorate a più non posso; sinceramente l’idea di un albero di Pasqua non mi fa impazzire, o forse non lo chiamerei così ma se devo proprio rimarrei sull’eleganza e la  semplicità con rami VERI e qualche uova.

Ecco qualche idea che mi piace di Albero di Pasqua.

Come vedete dalle proposte che ho trovato in rete, basta davvero poco e rimanendo semplici si ha un risultato elegante e raffinato.

albero-di-pasqua

 

(foto by Pinterest)

Salva

Share

Pasqua alle porte, idee per decorare casa e la tavola di Pasqua

La primavera è alle porte, anche se questo marzo è molto più pazzerello del solito con tanta pioggia e freddo, la tavola di Pasqua 2016 sarà all’insegna dei colori primaverili, tenui, colori pastello che ricordano lo sbocciare dei fiori: rosa, celeste, giallo chiaro, bianco. Uova, coniglietti, rami con fiori, cioccolato e colombe, questi i simboli per decorare la nostra tavola di Pasqua.

decorazioni-pasqua-1

La tavola di Pasqua si illumina col bianco e coi colori della terra e della primavera.

111-vert

Share

Panini al latte con lievito madre, soffici e buonissimi

Sapete bene che sono una amante della panificazione e della lievitazione, da te ho preparato e mi sto curando il lievito madre che(poi ci farò un bel post), se non usato, ha bisogno di essere rinfrescato almeno una volta ogni 7 massimo 10 giorni. A volte mi dispiace rinfrescare il mio lievito e non usarlo, quindi dopo la rinfrescata settimanale mi piace fare o sperimentare qualcosina. Stavolta ho provato a fare i panini al latte.

Avete presente quei panini soffici che sono presenti su tutti i buffet di feste di compleanno? Di solito ci sono quelli all’olio e quelli al latte, bene, la ricetta di oggi presenta questi paninetti molto versatili in quanto potete farcirli sia con il salato che con il dolce, tipo la nutella. Non essendo una golosa di pane e nutella, ho realizzato i miei panini al latte diminuendo la dose di zucchero che la ricetta prevede, li ho personalizzati con semi di papavero e sesamo per dargli un tocco “salato” in più.

La ricetta dei miei panini al latte con il lievito madre.

Share

A letto con stile, ispirazioni per personalizzare la camera da letto.

Quando mi capita di vedere case di amici o parenti, mi accorgo, che la camera da letto è la stanza meno personalizzata, forse perchè è la camera meno “vissuta” della casa, a volte mi sembra di entrare negli spazi espositivi di mobilifici, dove al massimo troviamo una finta cornice d’argento, con la foto di una modella in abito da sposa.

Ho sempre odiato l’arredamento completo e classico della camera da letto, quello per intenderci comprato a stock, dove l’armadio, il letto, i comodini e la cassettiera sono banalmente uguali, forse perchè abituata alla creatività e il gusto di mia madre, che già nel lontano 1977 fece della sua camera da letto un pezzo unico e diverso per quei tempi: letto in bambù e specchi, cassettiera antica, e comodini in due stili diversi; un esempio su come, senza esagerare e rimanendo classici, si possa personalizzare e rendere accogliente la camera da letto. Come mia madre, non amo i comodini dello stesso tipo, preferisco pezzi unici abbinati tra loro. Amo gli ambienti caldi e rilassanti, disdegno la tv in camera da letto, luogo per me dedicato al dolce dormire, alla lettura, relax  e all’amore.

Share

Coleslaw l’insalata di cavolo cappuccio crudo

Ecco a voi un’altra ricetta d’origine anglosassone facile da preparare e sfiziosa. Coleslaw o semplicemente slaw, è l’insalata a base di cavolo cappuccio crudo diffusa negli Stati Uniti d’America e in Inghilterra. Io la mangio ogni volta che vado a Londra, è un’insalata che viene servita per accompagnare piatti di hamburger che di solito non è mai servito da solo, ad esempio con coleslaw e patatine fritte..

Gli ingredienti base sono il cavolo cappuccio e le carote, tagliati entrambi molto sottili ai quali viene aggiunta una salsa o dressing.

Ingredienti:

  • cavolo cappuccio
  • carote
  • maionese 3 cucchiai
  • yogurt greco 150 gr
  • 1 cucchiaino abbondante di senape
  • 2 cucchiai di aceto bianco
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • sale
  • pepe
  • erba cipollina
Share

Scrub viso fatto in casa per pelli secche, grasse e miste.

Pelle del viso  spenta ed opaca? Pelle grassa, pelle troppo secca?

Niente paura, fate come me, preparate  un bell’intruglio per coccolare il vostro viso, uno scrub da fare a casa per donare luminosità.

Facciamo un po’ di chiarezza sullo scrub.

Lo scrub serve ad eliminare le cellule morte sia dal viso che dal corpo e rende la pelle del viso più luminosa e in generale serve per aumentare il turnover cellulare, cioè per aiutare la riproduzione dell’epidermide e il rinnovamento dei tessuti, elimiando le cellule morte che opacizzano il viso. Lo scrub puo’ essere chimico(peeling) che usa agenti chimici esfolianti, a sua volta può essere dolce fino a quello profondo e più abrasivo, fatto solo dai dermatologi, ad esempio per eliminare macchi e segni del tempo; lo scurb enzimatico, che è simile al chimico ma sfrutta gli enzimi in grado di consumare le proteine sia animali che vegetali; lo scrub meccanico composto da granuli esfolianti e che si applica sul viso e il suo massaggio leviga la pelle; gli scrub preparati a casa  appartengono a questa ultima categoria.

Lo scrub fatto in casa, è una leggera abrasione che elimina gli strati superficiali dell’epidermide e agisce sull’ultimo strato, il corneo, si effettua sul viso e sul corpo, una volta ogni 15 giorni, da non confondere con il gommage che è più delicato ed è fatto con farina di avena o di riso. Lo scrub al viso è più leggero di quello che si fa al corpo, in quanto la pelle del viso è più delicata e meno ruvida. Per la preparazione casalinga di scrub si usano spesso prodotti come miele, zucchero, olio, yogurt; per preparare il vostro scrub fai da te, è bene scegliere gli ingredienti in base al vostro tipo di pelle: secca, grassa o mista.

Ci sono tantissime ricette di scrub casalinghi e in commercio esistono molte creme esfolianti, io ne ho scelto qualcuna, e in base a queste ricette e alle regole di base potete cimentarvi a creare la vostra ricetta personale.

Share

Yogurt greco, ricetta Tzatzichi e salsa semplice allo yogurt

Rispetto allo yogurt normale, lo yogurt greco si differenzia per il procedimento della sua produzione e per composizione; ovvero lo yogurt greco subisce un processo di filtrazione in più rispetto a quello normale, in modo da eliminare più siero possibile, questo procedimento dona allo yogurt greco più consistenza e cremosità.Lo yogurt greco è quindi  indicato nelle diete dimagranti sane come sostituzione di golosità, in quanto oltre a contenere meno siero, conteniene meno lattosio, meno sodio e meno zuccheri rispetto allo yogurt normale. Lo yogurt è da preferire nelle diete iposodiche perché contiene la metà del sodio contenuto in una vasetto di yogurt normale, circa 50 milligrammi per porzione. Rispetto allo yogurt normale quello greco contiene anche la metà dei carboidrati, da 5 a 9 grammi per porzione rispetto ai 13-17 grammi contenuti in quello normale. Lo yogurt greco contiene quasi il doppio delle proteine dello yogurt normale. La differenza calorica con quello normale è minima, mentre a livello di grassi quello greco ne contiene una percentuale maggiore, 4,5 grammi rispetto agli 1,5 di quello normale; questo non deve trarre in inganno perchè ricordiamoci che nelle diete dimagranti non bisogna eliminare i grassi sani, come quelli provenienti da latticini e pesce, basta non superare il 30% del fabbisogno calorico giornaliero proveniente dai grassi.

Dopo la doverosa presentazione dello yogurt greco e delle differenze con quello normale, più comune, ecco qualche suggerimento sul suo impiego in cucina: a colazione con frutta o muesli, per preparare un dolce al cucchiaio, in aggiunta agli impasti dei dolci in sostituzione del latte, per preparare gustose e leggere salsine di accompagnamento carne, pesce e verdure.

Share

Sposa Curvy, sfatiamo qualche mito, consigli veri da una sposa in carne.

Si parla spesso di curvy girls, di sposa curvy, di taglia abbondante; in tv e on line mille tutorial su outfit adatti a questa tipologia di donne. Ciò che mi fa ridere è che a dare questi consigli sono “esperte del settore” tutt’altro che curvy, solo chi ha un corpo abbondante veramente, sa e può capire quali possono essere i “problemi” da risolvere. Parliamoci chiaro, in tv e on line, la curvy è una donna tg 46 oppure una tg 48 per due metri di altezza, si parla di curve se si ha seno abbondante, o semplicemente fianchi sporgenti; per non parlare del mondo della moda dove una tg 44 è considerata già curvy, e le modelle sono curvy ma anche altissime.Ciò che voglio mettere in evidenza è che quando si parla di curvy in tv o on line si intende ciò che il termine significa letteralmente, ovvero curve; perciò mi sta bene che si parli di donna prosperosa, con seno o fondoschiena abbondante ma non accostatela al concetto di curvy che la gente si aspetta, ovvero quello di taglie forti, di donne abbondanti.

Dunque facciamo chiarezza, ciò che ho capito io, e forse il 90% delle persone che mi sta leggendo è che:

  • per curvy nel mondo della moda si intende una modella alta più di 170 cm con taglia maggiore o uguale alla 44.
  • curvy che propone la tv e il web per tutorial su outfit e immagini, si intende donna prosperosa di seno o abbondante di fondoschiena; che veste una 46 massimo,  questo particolare risulta un “difetto” in quanto non in armonia col resto del fisico.
  • il concetto di curvy  di cui le persone vogliono parlare, è la donna cicciottella, dalla tg 48 in su!

Io non ne farai tanto una questione di taglia, perchè una donna tg 44 alta 140 cm è curvy! In Italia il problema e la confusione sta alla base del concetto che si ha di donna non-curvy. Partiamo da questo. Cosa intendiamo noi per donna non-curvy? …ognuno di noi si faccia un esame di coscienza, e la risposta viene da sè.

A dare ulteriore ispirazione a questo argomento, che avevo preventivato  da tempo, è stata una ragazza che, qualche giorno fa, mi ha scritto in privato sulla pagina facebook del blog. Questa ragazza (curvy),che se vuole può scrivere un commento per presentarsi, mi ha scritto moltissimi complimenti riguardo il mio look sposa, essendo anche lei appassionata degli abiti di Jenny Packham, mi chiedeva qualche consiglio di acquisto.

Share

Arredare casa in base ai colori, per rilassarsi ed essere stimolati

Perchè arredare e decorare casa in base ai colori?

Molti studi sui colori, hanno dimostrato come possono influenzare il nostro stato psico-fisico; per questo motivo è importante conoscere i vari effetti che hanno i colori su di noi, in modo da poter decorare e arredare le stanze della nostra casa, in base alla funzione che hanno. Il cromatismo ci aiuta a capire quali sono i colori da utilizzare e abbinare tra loro.Possiamo scegliere tra colori caldi, e quelli freddi; i colori caldi, quali il rosso, giallo, arancio e tutte le gamme di colori vicini ad essi, sono utilizzati per stimolare mentre quelli freddi, i blu, i violetti, gli azzurri e i verdi, per rilassare e calmare. I colori acromatici (bianco, grigio e nero) possono presentare caratteristiche di caldo o freddo a seconda che contengano un piccolo accenno di colori caldi o freddi.Verde e Magenta danno sensazioni diverse a seconda del contorno.

Share

Dolce in tazza al cioccolato ricetta e varianti

Navigando sul web spesso ho trovato ricette e immagini di dolci cotti al micronde nella versione monoporzione in tazza. Oggi ho voluto sperimentare qualche ricetta e fare la mia valutazione. Che dire è un dolce da mangiare caldo, che si cuoce in 1 minuto circa alla massima potenza in micronde, l’impasto si fa in 5 minuti; potete preparare le vostre tazze e cuocere il dolce al momento se avete ospiti a cena o amiche per un thè.Ho provato a fare la ricetta base, ma ho già pensato a varianti per renderlo meno secco; il dolce in tazza si presenta come un muffin o cupcake ma al cucchiaio, quindi sarebbe più goloso l’effetto sorpresa quando ci si affonda il cucchiaiano dentro.

Share

Le nozze Boho-chic, tutto sul matrimonio dallo spirito eco-friendly.

Nozze in stile Bohemien:informali, semplici, romantiche, colorate, ecosostenibili e…chic!

Se il 2015 è stato l’anno dei matrimoni vintage, shabby e country chic, il 2016 vede sempre più protagonista lo stile boho-chic. Il boho-chic è innanzitutto uno stile di vita e di moda, lanciato da Sienna Miller e Kate Moss la prima ad organizzare le nozze in vero stile boho-chic; la parola deriva da bohemièn e chic, e unisce lo stile boheme-gitano  a quello hippy fine anni sessanta inizio settanta, in versione chic. A tutto ciò  si aggiunge un pizzico di country, qualcosa di etcnico e un’aggiunta di romantico vintage.

Un matrimonio in vero stile boho-chic non è per tutti; è un matrimonio per chi vuole essere controcorrente e sceglie nozze infomali e tranquille, rispetto a quelle classiche, è un matrimonio rilassato immerso nella natura, pieno di colori, fiori appena raccolti,  decorazioni naturali e tanto romanticismo. Nozze senza troppi fronzoli, semplici senza rinunciare all’eleganza dove trionfa  DIY (do it yourself) ovvero il fai da te.

sposi-boho-chic

Share

Wedding bag per stupire e coccolare gli invitati al matrimonio

Futuri sposi, come per ogni cosa, ciò che farà la differenza al vostro matrimonio sarà la cura dei particolari.

Il saper stupire gli invitati renderà il giorno delle voste nozze, unico e indimenticabile, non solo per voi.

Il matrimonio è sicuramente il vostro giorno, i protagonisti sarete voi; gli sposi saranno i più eleganti, i più fotografati, i più belli e radiosi, quelli più felici; ciò non toglie che per essere indimenticabile un matrimonio lo deve essere anche per i vostri invitati, è bello e gratificante che le vostre nozze siano ricordate come un giorno piacevole e divertente, ricevere i complimenti durante la vostra festa renderà il tutto ancora più bello, parola di sposa gratificata. Ecco perchè la cura del dettaglio e i particolari, renderanno quel giorno “diverso” da tanti altri matrimoni. Il trucco è personalizzare le proprie nozze, ciò non significa ostentare o strafare con limusine o carrozza, con volo di colombi, o 20 ore di festa con accozzaglia di intrattenimento per portare voi e gli invitati allo sfinimento; significa avere cura dei propri invitati, agevolandoli, e mettendoli a proprio agio, capire i si e i no. Un centro tavola ingombrante, non farà la differenza se ad esempio mancano le istruzioni per raggiungere la location, oppure se la sposa si fa aspettare troppo o l’orario della messa è inadatto al periodo in cui ci si sposa. Per questo motivo tengo sempre a dare il consiglio di organizzare le proprie nozze in largo anticipo, in modo che col tempo si possono valutare con calma tante cose, senza arrivare all’ultimo momento stressati perchè si sta ancora decidendo sul da farsi.

Wedding bag, why not?

Share

Belle e fashion anche sotto l’ombrello: outfit da pioggia

In questo ultimo week-end piovigginoso, ho pensato a quanto a volte sia pesante uscire con la pioggia; i pensieri vanno a cosa indossare, soprattutto quando si deve uscire per forza come  per andare a lavoro.Diciamocelo francamente non siamo proprio abituati alla pioggia come in altri paesi, e quando piove e bisogna uscire è proprio na botta ‘nfont. L’obiettivo è arrivare alla mèta in modo decente, senza aver bisogno di un cambio di abiti. A volte ci priviamo di una passeggiata, un aperitivo o un the con le amiche a causa della pioggia, ma possiamo essere altrettanto carine e fashion anche sotto l’ombrello. Marzo pazzerello si avvicina.

Gli accessori e i capi indispensabili per un rainy outfit.

ombrello- bambolinaL’ombrello, è l’accessorio indispensabile per un outfit da pioggia di tutto rispetto,non limitatevi al triste ombrello grigio da borsetta, in giro si trovano ombrelli molto carini e stilosi, che possono portare allegria al grigiume della pioggia e che viene proprio voglia aprirli. In Thailandia ne ho comprato uno piccola da borsetta molto simpatico con la custodia rigida, è un tubo in cui si infila l’ombrello e ha la forma di una bambolina.

Share

Visitare Bangkok tra templi, Buddha e Palazzi

Come ben sapete io e mio marito abbiamo scelto la Thailandia come mèta del nostro viaggio di nozze. Nei prossimi post vi voglio parlare delle cose che assolutamente dovete vedere e fare a Bangkok, e se non avete programmato una sosta nella capitale, vi consiglio di farlo, bastano 3 giorni per assaporare ciò che ha di bello  questa città, poi potete abbandonarvi a una delle isole famose della Thailandia, noi ad agosto siamo stati a Koh Samui, e/o  intraprendere un fantastico tour del nord.

Il vostro viaggio in Thailandia comincerà sicuramente dalla sua capitale, dove atterrerete all’Aeroporto Internazionale di Bangkok-Suvarnabhumi il più importante areoporto della Thailandia e uno dei più importanti e trafficati del sud-est asiatico.

Dimenticate di visitare la città a piedi, Bangkok è immensa, è la città più trafficata al mondo e tra le città più grandi del pianeta. Vi posso assicurare che a Bangkok il traffico c’è sempre, non si ferma mai, la cosa che però mi ha colpito è la calma degli automobilisti e taxisti; troverete traffico ma non inquinamento acustico, niente clacson.

Per questo motivo per spostarvi per la città vi consiglio lo skytrain, il taxi o meglio ancora i caratteristici tuc-tuc che troverete solo qui.

tuctucTuc-tuc tipici di Bangkok

Cosa vedere a Bangkok?

La risposta è Buddha, Templi e Palazzi.

La Thailandia è il paese dei Templi e dei Buddha  ci i sono migliaia di statue del Buddha sparpagliate in tutta Bangkok. La maggior parte rappresentante il Buddha di smeraldo all’interno il Grand Palace, il tempio di Wat Pho con il Reclining Buddha il Budda sdraiato, il tempio di Wat Indra Viharn  con Big Buddha o grande buddha di 32 metri di altezza, Wat Trimitr, il tempio del Buddha d’oro, e infine il Wat Benjamabophit, il tempio rivestito di marmo di Carrara.

In Thailandia esistono diverse versioni di Buddha a seconda della posizione del corpo, asana, o delle mani, mudra. Le posizioni basilari sono 4: il Buddha in piedi, il Buddha seduto, il Buddha che cammina e il Buddha sdraiato, di cui le prime tre associate alle attività quotidiane del Buddha (insegnamento, meditazione, offerta di un riparo ai discepoli), mentre la quarta agli ultimi momenti trascorsi sulla terra, quando raggiunse il nirvana. Queste posture si associano a posizioni di mani e piedi e creano i comportamenti (mudra) indicanti i temi basilari del Buddhismo.

Share
naked-cake-con rose

Naked Cake al cioccolato, per una festa o come wedding cake

La mia prima naked cake.

Oggi ho voluto provare a fare per la prima volta una naked cake, letteralmente torta nuda, cioè una torta decorata “a vista” semplicemente con fiori o frutta fresca.Dopo il boom delle torte decorate con la pasta da zucchero, che hanno preso il sopravvento alle classiche torta da pasticceria decorate con panna e glassa; la naked cake è sicuramente un’alternativa chic.

Le prime naked cake le ho viste l’anno scorso quando navigavo spesso per scegliere la nostra wedding cake, devo dire che sono rimasta colpita dalla bellezza di queste torte che sembrano quasi  “imperfette” ma allo stesso tempo sono delizione; sono torte dal sapore retrò e rustic chic.

Share