Sposa Curvy, sfatiamo qualche mito, consigli veri da una sposa in carne.

Si parla spesso di curvy girls, di sposa curvy, di taglia abbondante; in tv e on line mille tutorial su outfit adatti a questa tipologia di donne. Ciò che mi fa ridere è che a dare questi consigli sono “esperte del settore” tutt’altro che curvy, solo chi ha un corpo abbondante veramente, sa e può capire quali possono essere i “problemi” da risolvere. Parliamoci chiaro, in tv e on line, la curvy è una donna tg 46 oppure una tg 48 per due metri di altezza, si parla di curve se si ha seno abbondante, o semplicemente fianchi sporgenti; per non parlare del mondo della moda dove una tg 44 è considerata già curvy, e le modelle sono curvy ma anche altissime.Ciò che voglio mettere in evidenza è che quando si parla di curvy in tv o on line si intende ciò che il termine significa letteralmente, ovvero curve; perciò mi sta bene che si parli di donna prosperosa, con seno o fondoschiena abbondante ma non accostatela al concetto di curvy che la gente si aspetta, ovvero quello di taglie forti, di donne abbondanti.

Dunque facciamo chiarezza, ciò che ho capito io, e forse il 90% delle persone che mi sta leggendo è che:

  • per curvy nel mondo della moda si intende una modella alta più di 170 cm con taglia maggiore o uguale alla 44.
  • curvy che propone la tv e il web per tutorial su outfit e immagini, si intende donna prosperosa di seno o abbondante di fondoschiena; che veste una 46 massimo,  questo particolare risulta un “difetto” in quanto non in armonia col resto del fisico.
  • il concetto di curvy  di cui le persone vogliono parlare, è la donna cicciottella, dalla tg 48 in su!

Io non ne farai tanto una questione di taglia, perchè una donna tg 44 alta 140 cm è curvy! In Italia il problema e la confusione sta alla base del concetto che si ha di donna non-curvy. Partiamo da questo. Cosa intendiamo noi per donna non-curvy? …ognuno di noi si faccia un esame di coscienza, e la risposta viene da sè.

A dare ulteriore ispirazione a questo argomento, che avevo preventivato  da tempo, è stata una ragazza che, qualche giorno fa, mi ha scritto in privato sulla pagina facebook del blog. Questa ragazza (curvy),che se vuole può scrivere un commento per presentarsi, mi ha scritto moltissimi complimenti riguardo il mio look sposa, essendo anche lei appassionata degli abiti di Jenny Packham, mi chiedeva qualche consiglio di acquisto.

La cosa che mi ha stupito è che, nonostante non ci conoscessimo, ha detto di non aver resistito all’impulso di scrivermi che ero bellissima, raggiante e che l’abito mi stava benissimo; questo ha fatto di me un esempio da seguire, e guardando le mie foto ha potuto ammirare un abito di Jenny Packham su una donna curvy, pensando che il suo sogno di indossarne uno, potesse realizzarsi.

Dopo averle risposto parlando del mio lontano sogno di indossare un abito Jenny Packham, delle mie paure che non potesse essere adatto a me, della mia sorpresa ma forse anche conferma che non mi sbagliavo sull’idea che avevo del mio look sposa e bla bla bla, dopo averla incoraggiata e riempita di dettagli, ha ribadito la sua ammirazione nei miei confronti definendomi “fighissimaaaaa!” aggiungendo testuali parole:”…comunque, in tutta sincerità…io raramente ho visto una sposa così bella! trasmetti gioia e sicurezza…sei un esempio da seguire!”

Che dire, ricevere queste parole mi ha fatto molto piacere, più dei complimenti ricevuti il giorno delle nozze da parenti e amici, da mio marito, dallo staff dell’Atelier dove ho acquistato l’abito…sono complimenti non dovuti, da una donna, curvy, che non mi conosce. Sapere che per questa futura sposa curvy, sono un esempio da seguire mi inorgoglisce. Questo per la serie che per essere belle e fighe a volte qualche kg in più, non conta.

Il mio Look Sposa

Il mio Look Sposa

Per questo motivo voglio fare della mia esperienza un poutpurri di consigli per la scelta dell’abito da sposa per curvy e per il look in generale, per quelle spose cicciottelle che hanno paura di non poter essere altrettanto belle il giorno del sì.

Tralasciando le varie fisicità, a pera, mela, clessidra e rettangolo, i consigli che vi voglio dare sono da adattare al vostro fisico caso per caso, perchè non esistono regole uniche, ad esempio io non riesco a individuarmi tra queste fisicità, ci sono persone come me che sono robuste o cicciottelle ma proporzionate, dove non prevale nessuna pera, mela o altro frutto.

I Tessuti da scegliere per l’abito da sposa taglie forti.

  • Prediligete tessuti morbidi, in modo da non risultare più grosse di ciò che siete quindi sì alla seta, chiffon e georgette; il pizzo e merletto ma senza esagerare e nei punti giusti; ad esempio se siete più prosperose nella parte inferiore rispetto alla parte superiore e quindi avete spalle e seno piccolo(fisico a pera), si al pizzo sulla parte superiore per “arricchirire” un decoltè povero, se invece avete un decoltè e spalle larghe, si al pizzo per ingentilire braccia tornite, con maniche leggere, e scivolate. Sconsigliati gli abiti in seta mikado, taffettà e tulle, che sono più indicati a spose filiformi o col problema opposto e hanno bisogno di “riempiersi”. Questi due tessuti possono andare per la scelta di gonne che scendono morbide senza troppa larghezza, se si ha fianchi stretti.

sposa-curvy-abiti-1

Il mio NO al bustino strizzaciccia e vi spiego perchè.

  • Sfatiamo il mito del bustino e delle taglia in meno, è vero che con un bustino si può decidere di stringere e stringere e fare il vitino da vespa, ma è pur vero che la sposa deve respirare e potersi muovere in armonia, e che, care signore stiliste, intenditrici e modaiole, se si stringe da na parte la ciccetta esce da un’altra parte. Siate obiettive, se si hanno kg in più e forme abbondanti specialmente sul decoltè, evitate i bustini che fanno l’effetto cotechino! Anche per chi ha i rotolini, il bustino strettissimo fa danni. E’ davvero brutto vedere quel seno che arriva fino in gola, la ciccia che esce di lato sotto le ascelle(questo vale per tutte le spose); con me ci hanno provato, sì avevo il vitino più sottile ma mi sono ritrovata a modi bambolina, impedita anche nel minimo movimento, sembravo avere il busto più che il bustino e con le tette in gola, risultavo davvero goffa. Dunque se siete abbondanti e avete la fisicità che si chiama a mela, seno prosperoso, evitate i bustini, meglio contenere la ciccia con un intimo ad hoc, tipo body; scegliete una scollatura a V in modo che slanci la figura, oppure una scollatura a cuore, non scegliete lo scollo a barca se avete spalle da nuotatrice, no a corpino con scollo dritto o all’americana, se siete enormi nella parte superiore, questi tagli vi allargheranno ancora di più, sceglietele se avete spalle piccole. Se non avete un collo lungo no ad abiti a collo alto. In ogni caso, cercate di ingentilire e addolcire il decoltè.

Il punto vita è il vostro punto di forza.

  • Date importanza al punto vita, scegliete un modello che segni bene il punto vita, lasciate perdere la tg in meno che un bustino può dare, se riuscite nell’intento di valorizzare, o in mancanza fare, un bel punto vita, sarete ok. Quindi sì ad abiti con punto vita alto ma scegliete la parte superiore che vi slanci, quindi scollo a V o a cuore, sì ad abiti a mezza sirena o dalla linea dritta e scivolata, l’importante è segnare il girovita, senza risultare un unico pezzo stile scaldabagno; ad esempio potete optare per un cinturino prezioso, una fascia in vita annodata dietro con un fiocco; in questo caso potete scegliere un corpino senza spalla, se non siete abbondanti sopra.
Abiti da sposa Jenny Packham 2015 plus size model

Abiti da sposa Jenny Packham 2015 plus size modelJenny

Che tipo di gonna scegliere, evitate gonfiori inutili e l’effetto mongolfiera.

  • La gonna dell’abito che sia morbida, qualsiasi tessuto scegliete, cercate di non mettere troppa roba sotto, il tulle ingrossa, e anche se avete una fisicità rettangolare, a cui si raccomanda un abito con gonna a palloncino, ricordate che siete sempre spose curvy e l’effetto non è sempre dei migliori, puntate sul giro vita ma non esagerate con la larghezza. La larghezza la consiglio alle spose curvy abbastanza alte, ma vietato alle curvy bassine anche con 12 cm di tacco.
la mia ultima prova abito. Abito da sposa Jenny Packham modello Dentelle

la mia ultima prova abito.
Abito da sposa Jenny Packham

Bianco sì ma non esagerate.

  • Se siete abbondanti cercate di evitare il bianco ghiaccio, e come dicevo, no a tessuti lucidi come taffetà, scegliete colori più opachi e cipriati, come il panna o champagne. Ad esempio il mio abito non era bianco bianco, come tutti gli abiti da sposa di Jenny Packham.

Parola d’ordine consapevolezza del proprio corpo.

  • Nascondete i difetti e per farlo dovete averne consapevolezza. Quindi se avete braccia abbondanti, optate per maniche corte o lunghe ma non strette, a seconda del periodo, oppure un coprispalle leggero. Se avete un seno prosperoso valorizzatelo ma senza esagerare e risultare volgari soprattutto se ci si sposa in chiesa, una scollatura accurata farà al caso vostro, evitate anche di coprirlo troppo risultato seno fasciato e schiacciato, che tenderà ad allargarvi nella parte superiore; scegliete un intimo che raccolga il seno se lo avete laterale e che lo sostenga in modo giusto se è molto abbondante, è preferibile un body intimo color carne che contenga  la ciccetta, invece che il due pezzi che segna.

L’acconciatura e gli accessori giusti.

  • Per quanto riguarda l’acconciatura e il velo, ritengo che essendo noi donne pluse size già tante di nostro, il minimalismo faccia al caso nostro: un raccolto leggero slancia la figura i capelli sciolti e boccolosi vanno bene solo se naturali e non troppo lunghi, ma secondo me appesantiscono la figura. Non esagerate col velo, sceglietene uno semplice, senza troppi gingilli, pizzi e merletti, meglio senza calata perchè quando è messa dietro fa l’effetto mongolfiera. Sugli accessori ritengo che, per i guanti scegliete quelli corti, e le scarpe osate con un bel tacco, ma che sia comodo e vi lasci camminare in modo naturale. Per i gioielli, stessa regola: non esagerate, un paio di orecchini punto luce con perle, o dei brillantini vanno bene, i collier affossano la figura.

Care future sposine taglie forti, questi sono piccoli consigli che vi do in base alla mia esperienza, poi sarete sempre e comunque voi a scegliere il vostro abito. Il consiglio più vero e importante che vi voglio dare per la scelta del vostro abito e del look sposa, è avere consapevolezza del vostro corpo, se ne avrete saprete scegliere e capire cosa vi dona e cosa no, cosa vi fa sentire meglio e di certo saprete portare il vostro abito con tutta la grazia e la classe che merita.

Ricordate che per essere principesse non è necessario un abito larghissimo, e per essere sensuali non bisogna per forza scoprire.

 Ed ora lasciatevi ispirare.

abiti da sposa per donne curvy 2

Share

3 opiniones en “Sposa Curvy, sfatiamo qualche mito, consigli veri da una sposa in carne.”

Francesca

Eccomi qui! E niente…avevo proprio ragione…Sei FIGHISSIMAAAAAA!
Mi hai reso felice con la tua risposta su facebook, incoraggiato con la tua comprensione e ora lusingato con questo articolo, che conferma esattamente quello che ho pensato subito di te. Grazie di cuore!

serena

Cara Francesca, avevo già in mente questo post ma non volevo peccare di presunzione, tu mi hai incoraggiata a farlo e questo vale più di mille complimenti. Per quanto riguarda l’argomento il mio voleva essere solo un aiuto per le donne in carne con qualche kg in più, ovviamente l’armonia del corpo conta molto e arrivare un po’ in forma il giorno del sì fa bene, senza però sconvolgere la propria immagine. Io ad esempio, non sono stata mai magrissima, e due anni fa ho perso qualche kg di troppo, poi però li ho riprese, non tutti ma sono arrivata al giorno del sì come tutti mi hanno conosciuta. Ancora in bocca al lupo per tutto!

Abito da sposa consigli sulla scelta per l'abito dei sogni

[…] modello solo perchè adorate quell’abito indossato dalla modella; se siete in carne come me ( qui il post per le spose curvy), evitate modelli con bustino strizza tette e addolcite le spalle e le braccia con del pizzo o […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito web utilizza i cookies. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi